DEAR - Design Around Onlus è impegnata nell’umanizzazione degli ambienti di cura attraverso progetti che si muovono nell’ambito delle discipline creative e dei è impegnata nell’umanizzazione degli ambienti di cura attraverso progetti che si muovono nell’ambito delle discipline creative e dei linguaggi contemporanei.
Nel linguaggio clinico anglosassone esistono due termini, cure e care, che possono essere tradotti rispettivamente come cura e prendersi cura.

Il primo indica il trattamento medico-scientifico, il secondo si riferisce all’accudimento globale del paziente e delle sue esigenze.
L’obiettivo dell’umanizzazione è quello di contribuire, su vari livelli, al prendersi cura della persona, attraverso soluzioni innovative che mitighino la condizione di disadattamento che la malattia spesso comporta.

DEAR è Design Around perché i progetti ruotano attorno al rapporto ambiente-persona, immaginando spazi e momenti di relazione all’interno delle strutture, ponti verso l’esterno, oltre la quotidianità forzata della malattia. Il nome rispecchia la doppia anima dell’associazione, che opera tenendo conto in primo luogo degli aspetti legati alla sfera emotiva, all’accoglienza e al benessere psicofisico, senza tralasciare quelli più tecnici, frutto di uno studio attento e rigoroso, attento alle diverse specificità dei destinatari.

Crediamo nella pratica del prendersi cura attraverso un ascolto attivo delle esigenze e in favore di un approccio progettuale sperimentale in cui tutte le competenze e i diversi saperi sono messi in rete e condivisi.

Per questo motivo ogni giorno ci impegniamo in attività, laboratori e progetti che coinvolgono i pazienti e il personale sanitario.

Dear è un incubatore di progetti multidisciplinari che spaziano dall’architettura al design, dalle arti visive al digitale.

Tassello importante delle proposte di DEAR sono i laboratori, basati su una modalità didattica attiva, in grado di bilanciare la componente tecnica e manuale con quella ludica.

I laboratori sono importanti momenti di socializzazione e rappresentano una risposta alle criticità legate al fattore tempo, spesso percepito come dilatato rispetto ai normali ritmi della vita quotidiana. In ambito pediatrico sono inoltre un’occasione per ampliare la propria formazione e acquisire conoscenze e metodi non contemplati dai percorsi scolastici tradizionali.

Attraverso il monitoraggio delle attività e la restituzione dei dati si intende infine sviluppare un percorso di ricerca finalizzato alla definizione di un metodo progettuale, tracciando le linee guida per renderlo replicabile.

Il primo progetto di DEAR, in collaborazione con PLUG, è Robo&Bobo, che si rivolge ai pazienti adolescenti e preadolescenti (11-18 anni) del reparto di Oncoematologia pediatrica e Centro Trapianti dell’Ospedale Regina Margherita di Torino.

Diventa amico di DEAR. Con 25 euro all’anno ci aiuti a sostenere le attività. Oppure sostieni Robo&Bobo, il progetto in cui saremo impegnati nel 2017 e nel 2018.

Con i laboratori Robo&Bobo vogliamo che i ragazzi trasformino l’esperienza negativa dell’ospedalizzazione in un’occasione per avvicinarsi al mondo delle nuove tecnologie (stampa 3D, realtà virtuale, etc.).

Sostenendo DEAR consenti ad adolescenti e preadolescenti in cura di acquisire le logiche che stanno alla base delle tecnologie digitali.

Sostieni i laboratori di Robo&Bobo
per trasformare in positivo il tempo in ospedale.

Oppure puoi donare con un bonifico bancario, assegno circolare o bancario intestato a
Associazione Dear Onlus
CF 97803310016
Corso Re Umberto, 8 - 10121 Torino TO
IBAN: IT83O0335901600100000144501
Non dimenticarti di inserire come causale “Robo&Bobo 2017 e Nome, Cognome e Indirizzo Email del donatore”.

Se sei un’azienda contattaci all’indirizzo dearstaff@designaround.org; saremo felici di costruire un progetto assieme a te.

Tutte le donazioni a DEAR godono dei benefici fiscali riservati dalla legge alle ONLUS. Ricordiamo che per accedere ai benefici fiscali è necessario che le donazioni siano effettuate attraverso mezzo tracciabile (Paypal, versamenti in conto corrente, assegni circolari o bancari intestati).

L’umanizzazione rappresenta un tema ad alto grado di complessità e richiede il coinvolgimento di diversi specialisti, definiti in base a ogni singolo obiettivo.

DEAR è una rete di professionisti di diversa formazione – arte, architettura, design, tecnologia, scienze antropologiche, medicina e psicologia – che credono nella pratica del prendersi cura attraverso un ascolto attivo delle esigenze e in favore di un approccio progettuale sperimentale in cui tutti i diversi saperi sono messi in rete e realmente condivisi.

Anita Donna Bianco
Architetto e designer.
Presidente, direttore creativo e project manager di DEAR.
Fabio Guida
Architetto, professore e artista.
Vice-presidente e direttore creativo di DEAR.
Silvia Ferrero
Redattore e ufficio stampa in ambito editoriale, per DEAR si occupa della comunicazione.
Paola Cappelletti
Esperta di didattica e formazione secondo il metodo Munari, curatrice del progetto Mille Modi.
millemodi.org
Alessandra Crispino
Psicologa e psicoterapeuta.
Walter D'esposito, Valeria Francescato, Alessia Pagotto
Designer e docenti.
sotterraneaofficinasperimentale.com
Isabel Farina
Antropologa specializzata in antropologia medica.
Silvia Galfo
Designer.
Per più informazioni riguardo l’associazione e i progetti che sviluppiamo, puoi consultare
Siamo aperti al dialogo e a nuovi progetti!

INFORMAZIONI
Anita Donna Bianco
dearstaff@designaround.org

UFFICIO STAMPA
Silvia Ferrero
dearpress@designaround.org

Oppure seguici su Facebook

Associazione Dear Onlus
CF 97803310016
Corso Re Umberto, 8
10121 Torino TO